Pinacoteca e Museo dei Padri Armeni Mechitaristi

Pinacoteca e Museo dei Padri Armeni Mechitaristi L’isola di San Lazzaro ospita il monastero degli armeni, ormai l'unico complesso conventuale rimasto a Venezia, diventato oggi un importante centro di cultura armena che comprende la chiesa, la biblioteca e il museo. Nel museo sono conservati reperti archeologici e di arte armena, oltre a cimeli di personaggi famosi come Lord Byron, assiduo frequentatore dell'isola. La pinacoteca raccoglie opere di pittori veneti del XVII-XVIII secolo e acqueforti e dipinti armeni del XIX-XX secolo, mentre nella biblioteca si trovano più di 200.000 volumi, tra cui preziosi manoscritti e miniature armene.

Il museo contiene la maggior parte di reperti storici di tutto il complesso conventuale.
Qui è possibile ammirare una parte dei reperti acquisiti o donati nei secoli dalla Congregazione Armena, reperti archeologici proveniente da ogni parte del mondo, come ad esempio alcuni ushapti (statuette egiziane di valore apotropaico), terrecotte antiche, ceramiche e oggetti d’arte orientale come la Palla di Canton, pezzo unico d’avorio nel quale furono ricavate 14 sfere concentriche, oltre ad alcune sculture, tra cui un gesso di Canova raffigurante il figlio di Napoleone Bonaparte.
La pinacoteca ospita numerose opere di pittori armeni quali Hovhannes Aivazovski (1817-1900) e Harutiun Ajemian (1904-1965).
Sul soffitto si può ammirare lo splendido dipinto del Tiepolo che raffigura un’allegoria della Giustizia. 
Nella sala dedicata all’arte e storia armena  sono conservati alcuni importanti reperti bronzei, numerose ceramiche, argenterie in gran parte di uso liturgico ed altri cimeli e oggetti di interesse storico della civiltà di Urartu, antica popolazione armena.
In una piccola sala del museo è conservata la mummia egiziana di Nemen Khet Amen, risalente al VII secolo e considerata una tra le meglio conservate al mondo, completa di sarcofago.
Nella stessa sala è esposto un trono principesco indiano in legno di tek decorato a tarsie eburnee.

Attraverso un piccolo passaggio, si accede al vero "tesoro" dell'isola: la biblioteca del monastero di san Lazzaro degli Armeni, realizzata nel 1740 da Mechitar e considerata oggi la più significativa collezione di manoscritti armeni conservati in Occidente.
Il patrimonio librario della Congregazione Armena Mechitarista, composto da circa 4000 manoscritti che vanno dal VI al XVIII secolo, la maggior parte dei quali di provenienza armena, è infatti frutto di un'operazione secolare di raccolta di testi e di acquisizione di collezioni.
Tra i testi conservati, oltre alla più ampia raccolta di periodici e giornali armeni che esista, segnaliamo la collezione di testi di archeologia, donata dal ministro egiziano Artin Cerakian ai primi del Novecento, tra cui due edizioni originali della Description de l’Égypte, opera monumentale che segna la nascita dell’archeologia moderna promossa da Napoleone durante la campagna d’Egitto.

All’interno del monastero troviamo anche altri oggetti e opere d’arte come ceramiche, argenti e tele di pittori armeni.



Informazioni utili:

Indirizzo: Isola di San Lazzaro degli Armeni
Apertura: lunedì-domenica 15.25-17.25 - solo visite guidate
Ingresso: €6 intero - €3 ridotto
Servizi: biblioteca, libreria - pubblicazioni del museo, negozio, visita guidata
Telefono: 0415260104
Fax 0415268690
E-mail: mechitaristi@tin.it
Web: www.mekhitar.org

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!