Palazzo Grassi inaugura la nuova mostra Sequence

18-apr-2007
Palazzo Grassi's new exibition: Sequence

Palazzo Grassi inaugura la nuova mostra SequenceAperta al pubblico fino all'11 novembre 2007 la nuova mostra d’arte contemporanea di Palazzo Grassi dal titolo SEQUENCE 1: Pittura e scultura nella collezione di François Pinault: circa settanta opere d’arte inedite di 17 artisti internazionali appartenenti a diverse generazioni operano una revisione concettuale delle tecniche artistiche tradizionali.


La nuova esposizione propone opere selezionate dalla curatrice Alison M. Gingeras all'interno della vasta collezione privata del magnate francese, oltre ad alcune opere commissionate appositamente per gli spazi di Palazzo Grassi, tra le quali campeggia, davanti all’ingresso in campo San Samuele, una struttura sospesa su 4 pilastri di ferro, con pareti rivestite di alluminio e lampadario di vetro appeso al soffitto, opera di Rudolf Stingel, sopra cui si colloca l'inquietante scultura di un volto di Franz West.

Gli artisti selezionati, accomunati dall’utilizzo di pratiche tradizionali quali la pittura e la scultura e dall'appartenenza ad un'epoca che va oltre il post modernismo, indagano l’evoluzione delle tecniche tradizionali e delle loro potenzialità espressive attraverso rivisitazioni concettuali, mettendo l’accento sull’originalità e sull’artigianalità dell’opera d’arte contemporanea.
Gli spazi nudi delle sale, dove le opere d’arte emergono sole in tutta la loro forza semantica, talvolta cinica, ironica e di certo provocatoria, si contrappongono allo splendore decorativo e architettonico di un Palazzo Grassi recentemente restaurato, allestito con cura e attenzione quasi maniacali fin nei più piccoli dettagli e restituito ad una nuova mondanità europea da XXI secolo.

Al di là di qualsiasi approccio tematico o narrativo, le opere di pittura e di scultura popolano le stanze di palazzo Grassi, a volte lasciandole vuote o semivuote, a volte ingombrandole con la loro mole, come fa il monumentale albero in ferro addobbato con centinaia stampe a colore, di Urs Ficher, che ci accoglie nell'atrio e arriva quasi fino al soffitto. 

E se all’ingresso sul Canal Grande un teschio di utensili da cucina in ferro, opera di Subodh Gupta, ha preso il posto del cane rosa di Jeff Koons per accogliere i visitatori che arrivano con il vaporetto, all'interno del palazzo potremmo scoprire artisti in grado di spaziare dalle tecniche più convenzionali, come le opere di Martial Raysse e Laura Owens, che assemblano nella stessa tela materiali diversi quali lino, vernice, feltro o legno, ad approcci più sperimentali, come la riproduzione di un interno, installazione di Mike Kelley che rievoca vagamente gli spazi in cui Lars Von Trier ambienta Dogville, o gli esperimenti di assemblaggio ambientale di Urs Fisher e David hammonds

Il percorso, che si sviluppa su tutti e tre i piani di Palazzo Grassi, mette in evidenza il ruolo e le diverse evoluzioni delle discipline artistiche tradizionalmente intese, rivisitate e riformulate dagli artisti contemporanei sia da un punto di vista concettuale che sperimentale.

Al 1° piano ritroviamo di nuovo Urs Ficher con un’altra installazione tridimensionale che utilizza oggetti di recupero, mescolandoli a oggetti d’arte tradizionale: un pacchetto di sigarette accartocciato sospeso ad un filo si muove trascinato da un braccio meccanico nello spazio di una stanza vuota, alle cui pareti è appesa una tela del 400.
Qualche stanza più in là anche David Hammons utilizza oggetti di riciclo per la sua opera, ambientata a Central Park: una bicicletta, abiti appesi, uno stereo e un cartello stradale.  

Al 2° piano ci colpisce un giovane artista milanese, Roberto Cuoghi che utilizzando tecniche innovative e combinando materiali diversi rappresenta la geografia dei paesi cosiddetti "ostili" all’Occidente, tra cui non può certo mancare Cuba, in un’opera realizzata appositamente per gli spazi espositivi di Palazzo Grassi.

E mentre poco più avanti incontriamo ancora David Hammons che, mettendoci di fronte a tre microfoni vintage, ci chiede ironicamente "Which mike would you like to be like"?, non possiamo non soffermarci di fronte all'ultima imponente opera della newyorkese Kristin Baker composta da un'enorme pannello di plexiglass trasparente montato su una struttura di ferro lunga nove metri e ricoperto di forme astratte e multicolori, che ci ricorda i manifesti futuristi italiani.

La mostra è solo la prima di un nuovo ciclo espositivo intitolato « Sequence », a cura di Alison M. Gingeras, consacrato alle opere contemporanee e alle monografie di artisti della collezione di arte contemporanea di Pinault che diventerà un appuntamento fisso nel calendario di Palazzo Grassi, alternandosi alle esposizioni tematiche temporanee. 

Le diverse edizioni di « Sequence » si svolgeranno ogni 12-18 mesi, alternandosi alle mostre a tema, come «Roma e i Barbari» già presente nel calendario di Palazzo Grassi per il 2008, e alle retrospettive ed esposizioni monografiche di arte moderna e contemporanea.


di Roberta Nalesso




Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!