Padiglione Georgia: il dinamismo scultoreo di Tamara Kvesitadze

31-lug-2007
Padiglione Georgia: il dinamismo scultoreo di Tamara Kvesitadze

Padiglione Georgia: il dinamismo scultoreo di Tamara KvesitadzeL’arte e la vita, come un eterno ritorno. «Ciò che mi affascina è il movimento, il dinamismo. L’aspetto meccanico dei miei lavori è legato al concetto del cambiamento, della trasformazione, dell’evoluzione circolare della vita». L’intera ricerca artistica di Tamara Kvesitadze si basa sulla relazione tra l’idea di “meccanico” ed “organico”:


«Natura organica del meccanico, ordine dell’organico e natura meccanica dell’ordine».
Il progetto Re-Turn, presentato al Padiglione Georgia in occasione della 52. Biennale di Venezia, consiste in una suggestiva installazione di figure meccaniche realizzate in vetroresina e metallo, il cui dinamismo circolare rappresenta il moto di trasformazione che si rispecchia nel contesto in cui sono inserite.
La tecnica energica, solida e al tempo stesso classicheggiante rivela la sua estrema sensibilità alla materia e al movimento; la delicatezza e la forza espressiva impresse nelle sue opere, fanno trasparire l’aspetto prettamente personale del suo fare arte, in bilico tra sperimentazione e tradizione.
«Nell’arte tu puoi solo dire ciò che sei e trasmettere ciò che senti. Questo è il ruolo dell’artista».
Ascoltando queste parole, in occasione di un’intervista realizzata a Tamara Kvesitadze, presente a Venezia durante i tre giorni di vernissage della Biennale, mi è stato immediato riscoprire nella memoria una celebre frase della scultrice francese Germaine Richier: «La scultura consiste anzitutto nella gioia di farla. Bisogna sentire la mano, la passione ».
I suoi schizzi, i suoi disegni preparatori fatti di pochi segni, energici ed immediati, possiedono già tutta la forza, la sensibilità e la poesia dei suoi lavori scultorei.
Pur discostandosi dalle tradizioni e dalla cultura georgiana, Tamara Kvesitadze ne subisce profondamente l’influenza, per il gusto artistico, l’originalità e la visione del mondo che la contraddistinguono, tipici di un paese al confine tra Europa e Asia, all’incrocio tra la cultura occidentale, orientale e bizantina.

di Claudia Brisotto
:venews
luglio 2007

Tamara Kvesitadze
Campo della Tana, Castello 2126/4
Arsenale
Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!