Università di Ca' Foscari

Università di Ca' Foscari L’Università Ca’ Foscari di Venezia organizza o promuove eventi, seminari, cicli di incontri, rassegne, conferenze o presentazioni di pubblicazioni, in collaborazione con il Comune di Venezia e altre istituzioni e associazioni culturali che operano in città.

Fondata allo scopo di favorire l'integrazione economica della città recentemente annessa all’Italia e di colmare lo svantaggio lasciatole in eredità dal governo aristocratico a causa della secolare avversione ad ospitare, accanto al potere politico, quello culturale universitario, concesso in monopolio a Padova fin dalla prima metà del Quattrocento, questa istituzione universitaria, come ricordano i suoi ideatori e fondatori, Marco Minghetti e Luigi Luzzatti, "non mirava soltanto alla coltura dell'intelletto", perché quello che si voleva ottenere era che gli allievi acquisissero "quella tempra gagliarda che si richiede onde un negoziante, un commesso viaggiatore possano pigliar parte... a quest'immensa concorrenza di traffici che oggi ha per teatro e per mercato il mondo intero".
Nella promozione della Scuola di Commercio, di cui esistevano due esempi solo in Francia, furono coinvolte tutte le massime articolazioni amministrative di Venezia, il Comune, la Provincia, la Camera di Commercio, con l'assenso governativo e il contributo del Ministero dell'Agricoltura, Industria e Commercio nelle cui competenze la Scuola, appartenendo al settore dell'Istruzione tecnica, finiva per rientrare.
Nel Progetto si prevedeva poi, a naturale complemento delle discipline economiche e commerciali, lo studio delle lingue straniere, non soltanto di quelle dell'occidente europeo (inglese, tedesco, francese, spagnolo), ma anche di quelle orientali, anche perché - lo ricorda Franco Meregalli nel suo Origini della Facoltà di Lingue e Letterature straniere - Luzzatti riteneva che "per conoscere noi stessi, per migliorarci, è più necessario lo studio delle lingue moderne che trattano i negozi del mondo moderno che quello delle antiche, che trattavano i negozi delle antiche".
Un rapporto preciso, tra la città e la sua università, ci fu, certamente, all'origine, a Venezia, ed anzi la classe politica e amministrativa considerarono all'inizio quella universitaria come una "funzione" indirettamente economica di Venezia. Quest'idea dell'università, che durò a lungo nei decenni dell'affermazione di Ca' Foscari come Scuola di fama nazionale, era destinata a rivelarsi problematica dagli anni Sessanta in poi.
Conservatrice e duttile insieme, Ca' Foscari, fin dai primi decenni, è sempre più modello quasi unico, sul piano nazionale, nel suo campo.
 
La nascita dell’istituto Bocconi a Milano, nel 1902, e la prima stagione di modernizzazione capitalistica del paese dell’inizio del ‘900 costituirono una spinta all'evoluzione storica di Ca' Foscari, sempre più tesa verso una trasformazione della Scuola in istituzione universitaria.
Nella storia della Ca' Foscari degli anni della conquista fascista del potere, dell'intermezzo verso l'involuzione totalitaria degli anni Trenta, dei brevi anni della fascistizzazione dello Stato verso la seconda guerra mondiale e poi verso la riconquista della libertà in un'Europa distrutta spicca la personalità del grande storico dell'economia Gino Luzzatto, chiamato a insegnare a Venezia nel 1922 e nominato Direttore dal 1925, nell'occhio del ciclone del regime fascista, insieme a Trentin e Longobardi, per l’attività politica e le prese di posizione in favore di Salvemini.
La "lunga notte" del fascismo terminò per Ca' Foscari con la rielezione a rettore dell'istituto, il 6 luglio 1945, di Gino Luzzatto, allontanato dall'insegnamento perché ebreo sette anni prima.
A Luzzatto successe come rettore, nel 1953, quell'Italo Siciliano,  studioso di letteratura francese e secondo fondatore "culturale" dell'Università veneziana, dopo Ferrara, riuscendo ad imprimerle una spinta decisa ad essere competitiva, sul piano scientifico, culturale, e dell'offerta didattica, rispetto a Padova e in genere agli altri istituti universitari in senso pieno.
Nel 1954 il corso di laurea in lingue divenne Facoltà e nel 1968 nacque finalmente l'Università degli Studi di Venezia e che nel 1969 venissero istituite due nuove Facoltà, quella di Lettere e filosofia e quella di Chimica industriale.
A partire dalla fine degli anni Sessanta, Ca' Foscari - e con essa l'Istituto Universitario di Architettura, nato nel 1926 - avviano, per crescita istituzionale e di peso culturale e scientifico (nel 1964 nasce, dopo un breve periodo di ibernazione parlamentare, il Corso di Laurea in Lingue e letterature orientali, e con esso iniziano gli insegnamenti di arabo, cinese, giapponese, ebraico, indi, turco, iranico, lingue in parte presenti fin dalle origini a Ca' Foscari; nel 1971 nascerà il Corso di laurea in Economia aziendale)  un processo di sviluppo che porta la presenza universitaria a Venezia a una dimensione ragguardevole e a una molteplicità di valenze scientifiche e culturali: l'affiancamento al corso di laurea in Lingue e letterature occidentali del corso "orientalistico " diventa il tramite per il riannodarsi dei rapporti culturali di Venezia con il vicino e l'estremo Oriente i corsi di laurea in Lettere e in Filosofia e, ultimo ma certo non meno importante, dal 1979-80, quello in Storia, creano le basi per un rapporto diretto con l'immenso patrimonio storico-culturale della città. Accanto al corso di laurea in Economia e commercio prende vita il corso di laurea "aziendalistico", immediatamente chiamato a rispondere alle esigenze di crescita di piccole e medie imprese del Triveneto;; il Corso di laurea in Chimica industriale, oltre a fornire una qualificata competenza tecnico-scientifica a un rilevante settore produttivo dell'entroterra veneziano, orienta sempre più la sua attenzione alla problematica ambientale e in particolare ai problemi del disinquinamento.
Una ventina di anni fa, conseguenza del debordare dell'Ateneo dai contenitori storici di Ca' Foscari e dei Tolentini si pose, in modo ancora embrionale, ma già visibile, il problema di un più organico rapporto tra l'Università e la città.
L'intellettualità soprattutto progressista si lascia fuorviare ancora una volta dal vecchio pregiudizio produttivistico per cui la cultura non è fattore di investimento, è oggetto e non fattore di produzione. Nonostante ciò, gli anni Settanta e Ottanta vedono uno straordinario sviluppo della presenza fisica dell'università a Venezia.
Per l'Università a Venezia, che, con i suoi trentamila studenti - più della metà dei quali a Ca' Foscari -, é una delle "aziende più vive e vitali di Venezia", si pone oggi il problema d'essere funzione diretta della vita della città che la ospita. E certamente vanno in questa direzione il fondamentale apporto cafoscarino al Parco Scientifico e Tecnologico di Venezia, e la costituzione della Venice International University, nell'isola di S. Servolo. Centro internazionale di istruzione superiore e di ricerca, la Venice International University ha visto, tra gli enti promotori, oltre a importanti atenei di vari paesi, le due Università lagunari, e quella stessa Amministrazione provinciale di Venezia che fu, nel 1868, tra i sostenitori della Scuola Superiore di Commercio.
Nel sito dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, viene pubblicata un’agenda degli eventi organizzati o promossi dall’istituto universitario, seminari, cicli di incontri, rassegne, conferenze o presentazioni di pubblicazioni, in collaborazione con le altre istituzioni e associazioni culturali che operano in città.

Tratto da : Giannantonio Paladini, Profilo Storico dell'Ateneo, ed. Università Ca' Foscari, 1996

Oltre alle numerose sedi delle Facoltà dell'Ateneo, Ca' Foscari dispone di una struttura presso l'Auditorium Santa Margherita, dove si svolgono incontri, cerimonie ufficiali, rassegne, seminari, conferenze e proiezioni organizzate dall'università. Nella sede dell'Auditorium Santa Margherita sono ubicate alcune strutture di interesse per la Facoltà di Economia, oltre ad una sala per convegni e congressi.

Contatti:

Indirizzo:
Santa Marta, Dorsoduro 3246 - 30123 Venezia
Telefono: 041 2348111 
Fax: 041 2348211
Sito web: www.unive.it
E-mail: comunica@unive.it

Auditorium Santa Margherita

Indirizzo: Dorsoduro 3689 - 30123 VE
Telefono: 041 2349911
Fax: 041 2349998
Linee Actv: 1/82 fermata Ca' Rezzonico

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!