Padiglione Polonia alla Biennale

4-ott-2007

di Claudia Brisotto | :venews

L’utopia urbanistica di Monica Sosnowska al Padiglione Polonia della Biennale di Venezia...

«Mi sembra che ciò che faccio sia leggermente in opposizione rispetto a ciò che è l’architettura. La caratteristica principale dell’architettura è l’utilitarismo.
L’architettura mette ordine, rispecchia i sistemi politici e sociali. I miei lavori portano piuttosto caos ed insicurezza».

Monica Sosnowska lavora con lo spazio e l’architettura: interviene sulla realtà, la modifica, gioca sulle percezioni dello spettatore e ne rimodella il senso dell’orientamento, riuscendo in tal modo a creare un divario tra ciò che è reale e ciò che è percepito.

La sua è un’architettura dell’assurdo, dove le case sono non-case, con scale che portano al nulla, porte che non si aprono, finestre che non si affacciano, travi che non sostengono: architetture illusorie, fatte di metalli e ferri riciclati, che rimandano esplicitamente alla decadenza della modernità postbellica.

La stessa struttura dell’installazione 1:1, un’impalcatura posta sull’edificio espositivo del Padiglione della Polonia (risalente agli anni ’30), va interpretata come una critica a quella modernizzazione impulsiva che troppo spesso è stata portata all’assurdo ‘impacchettando’ e mascherando con nuove facciate, ‘vecchie’ architetture di suggestivo fascino postbellico.

Ma il suo lavoro, pur rimandando ad un lontano passato di utopie urbanistiche, non è un nostalgico ritorno, bensì una sottile e attenta riflessione sull’idea di degrado, di caduta e distruzione.

 

di Claudia Brisotto | :venews


«Monica Sosnowska 1:1»
Padiglione Polonia
Giardini della Biennale-Castello
Venezia 

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!