Itinerari eno-gastronomici

itinerari enogastronomiciLa cucina veneziana ha una grande, millenaria tradizione, che ne fa una delle più varie e pregiate del mondo.
Essa è legata al particolare territorio della città lagunare, in cui acqua e terra si compenetrano strettamente, e alla sua grande storia fatta di dominazioni e di intense attività commerciali con l'Oriente e con paesi molto lontani...

Poiché la Serenissima è adagiata sulla laguna, circondata da canali e isole, ecco che la sua cucina è ricca di piatti di pesce: dal pesce “povero” ma squisito, come le sarde, a quello saporitissimo, come le anguille, fino ai pesci più delicati e pregiati, come la sogliola e il branzino.
Dalle abbondanti pescate della Serenissima viene la tradizione del saor: per conservare il pesce, soprattutto per i lunghi viaggi che i marinai dovevano affrontare in mare, lo si cuoceva con olio, aceto e cipolle.
Nella cucina dei dogi il pesce ha sempre avuto un posto di primo piano: tant’è che già nel lontano 1173 la legge annonaria (emanata dal doge Sebastiano Zini) che fissava i prezzo massimi delle derrate alimentari dedicava un’attenzione particolare al pesce.

Ma non dimentichiamo anche i prodotti della terra, come i frutti e gli ortaggi delle isole di Sant’Erasmo, delle Vignole e del litorale del Cavallino-Treporti: in primavera ed estate le castraure (piccoli carciof), i piselli e i deliziosi asparagi e in autunno la zucca e il radicchio.

La tradizione eno-gastronomica veneziana, basata su ingredienti poveri, ma comunque  raffinati perché insaporiti con ingredienti ereditati da altre culture, soprattutto orientali (pepe, cannella, chiodi di garofano, noce moscata), sono la testimonianza più tangibile ancora oggi della storia e delle tradizioni della città.
Un caso esemplare è il vino che le terre lagunari non erano in grado di produrre e che quindi veniva importato, il più famoso è il Malvasia, proveniente dall'Egeo e dal Mediterraneo Orientale (si chiamava infatti "vino navigato", per dire che arrivava viaggiando nelle stive delle navi e invecchiava a bordo), così comune a Venezia da dare il nome a ponti, calli e campielli, ma anche ad osterie e spacci di vini.

Ed ecco alcuni  itinerari eno-gastronomici che vi permetteranno di scoprire la città e al contempo “assaporarne” una parte di storia, conoscerne il territorio con i suoi prodotti tipici e apprezzarne la cultura a tavola.

 

 


Back
Share/Save/Bookmark

Your vacation starts here

Call Center

+39 041 5222264
Everyday from 8. a.m. to 11 p.m.
 
Call now!

Welcome Desk

5 Welcome Desks in the strategic points of arrival in Venice!
 

Where we are