Italics arte italiana tra tradizione e rivoluzione a Palazzo Grassi

Oct-2-2008

Italics arte italiana tra tradizione e rivoluzione a Palazzo GrassiDal 27 settembre 2008 al 22 marzo 2009  Palazzo Grassi ospita Italics: arte italiana fra tradizione e rivoluzione 1968-2008, un'antologia dell’arte italiana a partire dal 1968, curata da Francesco Bonami, direttore del Museum of Contemporary Art Chicago.

La mostra esplora l'arte italiana in 40 anni di importanti evoluzioni, a partire dal 1968, anno simbolo di importanti cambiamenti sociali, per arrivare fino ai giorni nostri.

In mostra più di 100 artisti con circa 180 opere, alla ricerca di nodi significativi e tematiche che uniscono diverse generazioni di artisti, in un equilibrio tra conservazione e innovazione.

L'esposizione testimonia la volontà di far conoscere questi ultimi 40 anni di importanti evoluzioni artistiche, sociali e culturali. In quegli anni, le generazioni di nuovi artisti testimoniarono attraverso le loro opere la novità e le rivoluzioni che stavano attraversando, consapevoli al tempo stesso di appartenere ad una civiltà che ha alle spalle un'antica tradizione artistica e culturale.
 
Il titolo stesso della mostra ribadisce questo concetto: Italics non Italian, ovvero italici non italiani, come per rivendicare l'eredità culturale, il passato artistico con cui ogni nuovo artista è costretto a confrontarsi e a rielaborarlo per distinguersi.
Una ventina degli artisti sono nati, infatti, nel periodo preso in considerazione dall’esposizione, mentre circa trenta appartengono alla generazione precedente e sono quindi già scomparsi.
 
Nell'organizzazione dell'esposizione si è seguita una linea di pensiero fedele alle testimonianze storico-artistiche lasciando spazio ad ogni tipo di espressione.
Il curatore della mostra, Francesco Bonami, ha dichiarato di aver scelto di esporre anche opere che lui definisce "schifezze" ma "significative di una tendenza", che rappresentano quindi un ponte verso l'arte contemporanea.
La mostra non cerca di dare risposte definitive su cosa rappresenti l'arte contemporanea  ma vuole delineare uno scenario aperto per chiunque lo desideri approfondire.
L'esposizione non seguirà un percorso cronologico e  lineare ma bensì un percorso tematico, cercando di cogliere i nodi significativi e gli equilibri che permangono tra generazioni di artisti anche contrapposte tra loro.
 
Già nel 1995 al Guggenheim Museum di New York venne allestita una mostra dedicata all'arte italiana dal '43 al '68, oggi la mostra di Palazzo Grassi si propone di seguire le orme di questo progetto.
L'esposizione si sposterà poi al Museum of  Contemporary Art di Chicago e sarà interessante vedere come una cultura con una tradizione artistica completamente differente dalla nostra interpreterà le opere ed allestirà le sale della mostra.
La mostra vuole anche essere una provocazione verso il sistema culturale italiano, che spesso dedica pochi spazi espositivi ai giovani artisti italiani, magari già affermati all'estero.
 

Informazioni utili:

Palazzo Grassi
Campo San Samuele
30124 Venezia

Tel  + 30 0 41 523 16 80

Fax  39 041 528 62 18
Infoline 199 139 139
www.palazzograssi.it

 

Redazione MeetingVenice 


 

Back
Share/Save/Bookmark

Your vacation starts here

Call Center

+39 041 5222264
Everyday from 8. a.m. to 11 p.m.
 
Call now!

Welcome Desk

5 Welcome Desks in the strategic points of arrival in Venice!
 

Where we are