Le maschere tradizionali veneziane

Le maschere tradizionali venezianeAlla scoperta delle più famose maschere tradizionali che popolano il Carnevale veneziano: la misteriosa Bàuta, la silenziosa moretta e molte altre maschere tipiche della Commedia dell'Arte di Carlo Goldoni...

La Bàuta o Bautta è la maschera più semplice e diffusa a Venezia.
Mantello nero, maschera e cappello sono gli elementi che la caratterizzano: il mantello nero con l'intento di nascondere gli abiti, il pizzo sotto la base della maschera e il cappello a tricorno per nascondere il volto.
La Bàuta tra le diverse maschere permetteva un anonimato completo. Non si poteva identificare chi si celava sotto il mantello, se uomo o donna, povero o ricco signore.
Era sinonimo della completa libertà d'espressione, ecco perché quando se ne incontrava una tra le calli, si era soliti porgere un ossequioso inchino di rispetto.
 
La Moreta o Moretta, come espresso già nel nome, è la maschera di colore nero usata dalle donne.
Molto particolare perché doveva essere sostenuta tenendo in bocca un bottoncino all'altezza delle labbra. Dagli uomini era apprezzata perché dava alla figura femminile quel fascino misterioso dato dal silenzio.

Il mattacino è una specie di pagliaccio con abito bianco o multicolore, leggero e corto, con in testa un cappello piumato. I mattacini a Venezia erano famosi per il lancio di "ovi profumai" (uova profumate) che lanciavano con le frombole. L'usanza era così frequente che, intorno a questi personaggi, si generò un vero e proprio mercato: a centinaia erano i venditori ambulanti di queste uova odorose che venivano lanciate verso balconi occupati da amici, conoscenti e da fanciulle innamorate.

Le maschere tradizionali venezianeMa le maschere hanno trovato la loro consacrazione con il teatro: grazie al lavoro del drammaturgo veneziano Carlo Goldoni alcune delle maschere più popolari della Commedia dell'Arte diventano dei perfetti stereotipi, ottimi per rappresentare la società veneziana. Tra le principali maschere della Commedia dell'arte troviamo Pantalone, anziano mercante ricco e avaro, Arlecchino, il servo imbroglione, Colombina, la servetta e amante di Arlecchino, e Pulcinella, un altro servo, ma di origine napoletana.

Al giorno d'oggi le maschere veneziane sono diventate uno dei simboli della città e del suo magico Carnevale.

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!