Stranezze veneziane

Stranezze venezianeGondole, bricole, nizioleti, altane...andando a spasso per Venezia vi capiterà di incontrare molte stranezze e curiosità legate alle particolarità e alle tradizioni di una città che, per la sua particolare architettura e collocazione geografica, è unica al mondo. Scoprite alcune in questa piccola raccolta...

 

I Nizioleti
I toponimi di Venezia sono scritti su insegne chiamate in dialetto nizioletti (piccole lenzuola). Oltre ad avere una funzione d’orientamento spesso nascondono aneddoti sospesi tra leggenda e realtà ed episodi storici che, alla maggior parte delle persone in visita, solitamente sfuggono. Ne ricordiamo qualcuno:

Sotoportego del Casin dei Nobili – (Sestiere di Dorsoduro) Un tempo sede di una sala da gioco aperta solo ai nobili, in cui le cortigiane si prostituivano.
Ponte delle Maravegie(Sestiere di Dorsoduro) La leggenda narra di una famiglia dove vivevano sette sorelle di straordinaria bellezza.
Riva dei Sette Martiri(Sestiere di Castello). Nel 1944 il comando tedesco per  rappresaglia fucilò sette uomini prelevati nel carcere di Santa Maria Maggiore.

La Gondola
E' quasi il simbolo di Venezia da più di un millennio, la gondola fungeva anticamente da collegamento tra vari punti della città, che all'epoca aveva molti più canali e meno ponti. Elegante, silenziosa, un tempo dotata di cabina “Felze”, oggi scoperta ma ancora dipinta di nero come da antico decreto della Repubblica Serenissima (1633), si allunga per 11 metri ed è leggermente asimmetrica e a fondo piatto, per permettere al gondoliere di manovrarla usando un solo remo, navigando anche su fondali molto bassi.  Il remo appoggia ad un supporto dalla forma caratteristica denominato fórcola che è sfilato dopo l'uso. Il dolfin (ferro di prua), invece, bilancia l'imbarcazione e rappresenta i sei sestieri di Venezia compresa la Giudecca, e il cappello del Doge. Il ferro di poppa è detto rìsso (riccio). L'assemblaggio dei 280 pezzi di legno di varie essenze che la compongono può richiedere anche un anno.

Il Vaporetto
Nel 1881 il primo vaporetto "Regina Margherita", iniziò il suo servizio a Venezia in occasione del "Congresso di Geografia". A tutt’oggi il servizio per collegare le zone centrali e periferiche oltre che le isole della laguna, è costituito dai vaporetti. Dall'aspetto molto simile dei primi esemplari a vapore da cui prendono il soprannome, i vaporetti costituiscono il mezzo di trasporto abituale dei Veneziani, anche se molti spostamenti, conoscendo bene la città, sono rapidi a piedi. Si consiglia un tour da un capo all'altro del Canal Grande con la linea principale (n.1), la velocità e tale da consentire la visione dei palazzi che, come per incanto, appaiono emergere dalle acque all’incedere lento dell’imbarcazione.

Bricole e Paline   
Sono pali fabbricati con un legno quasi indistruttibile, l’Acacia “Robina” conficcati nel fondo della laguna, a volte singoli (palina) a volte uniti a gruppi di tre o più (bricola) e servono per segnalare il limite tra un canale navigabile e la secca. Dalla loro istituzione nel 1439 ad oggi nulla è cambiato, eccetto l'applicazione di un catarifrangente e talvolta di una luce per la navigazione notturna. Alcuni tipi di paline si trovano anche all'interno dei canali cittadini, decorati un tempo con i simboli delle varie casate, ed hanno la funzione di ormeggio.
 
Illuminazione
Un tempo,  muoversi di notte a Venezia era piuttosto rischioso a causa dell'oscurità. Oltre ai lumini ad olio, e ai cesendelli, disseminati in molte parti della città,  il governo autorizzò una nuova professione, i "codega". Queste persone munite di lampade alimentate a grasso animale da qui Codega=cotica di maiale, accompagnavano a pagamento di notte le persone lungo la strada. Nel 1732 Venezia fu illuminata con 835 "ferai" lampioni pubblici, mentre l’illuminazione elettrica arrivò a Venezia nel 1887.

Campanili   
Oltre a segnare le ore e a chiamare i fedeli alle funzioni religiose, i campanili veneziani avevano anche la funzione di faro per le navi. Il campanile di S. Marco, per esempio, era ricoperto di lamiere riflettenti. Sopra i campanili, inoltre, erano appostate le "guardie del fogo" per segnalare anzitempo gli incendi in città.

Camini
Sono circa 7000 i camini a Venezia (ma nel '500 erano ben 10.357). Anticamente molti tetti delle case erano ricoperti di paglia tanto che bastava una scintilla a provocare un incendio. Per questo motivo vennero costruiti camini a "canna rovesciata" e a "tronco di cono" che, con la loro particolare struttura, riuscivano ad ostacolare e a raffreddare le faville. Molti camini erano anche variamente decorati e dipinti.
 
Altane
Sono delle specie di terrazze in legno poste sopra i tetti, molto caratteristiche. L'idea, presa quasi sicuramente dal mondo Orientale era quella, in una Venezia stretta nelle sue calli spesso buie e umide, di creare degli spazi per prendere il sole o stendere i panni. Anticamente le giovani veneziane usavano schiarirsi i capelli nelle loro altane con l'azione dei raggi solari, usando un cappello con un buco al centro da cui fuoriusciva la chioma.

Le Maschere del Carnevale
La storia della maschera veneziana è antica e le prime tracce di maschereri che combinavano assieme carta pesta, colla di farina, garze e colori risalgono alla fine del 1200. A partire dalla seconda metà del XVIII secolo si contavano 12 botteghe di maschere: poche in confronto all'uso e all'abuso che ne era fatto. Nel 1600 il governo della Repubblica, per contenere la moda in voga, proibì di indossare maschere al di fuori del carnevale, nei luoghi di culto e oltre orari prestabiliti. Nemmeno le prostitute e gli avventori dei casini potevano mascherarsi.
La Bauta fu l'unica maschera ad essere “ tutelata dalla legge ” alla stregua di chi la indossava. La maschera bianca, unisex, molto comune tra i ceti più abbienti, assieme al tipico mantello e tricorno nero era d'obbligo in certe cerimonie ufficiali e meno ufficiali, per mantenere un anonimato legalizzato. Altre maschere tipiche sono la Moreta, la misteriosa serva muta, "maschera delle donne", che era sostenuta un bottoncino tenuto con la bocca, la Gnaga, a muso di gattina, una sorta di travestitismo ante literam dei giovani veneziani, che imitavano ridicolizzando o rendendo grottesco e volgare il sesso femminile, Lo Zanni, contadino inurbato, outsider in città in cerca di lavoro e pronto a tutto, da cui derivano le caratterizzazioni di Arlecchino e di molte varianti regionali. Vestito di camicia e braghe larghe, un borsellino, una mazza e un berretto floscio. La maschera di cuoio aveva caratteristiche protuberanze, molto probabilmente in origine le corna di un diavolaccio, Pantalone, maschera veneziana per eccellenza del vecchio ricco e avaro, Fracanapa, l'anti-Pantalone, dalla parte della plebe, che rispecchiava la visione della terraferma' e infine Colombina, la servetta furba della commedia dell'arte.

Le Cortigiane
Il fenomeno delle Cortigiane ha caratterizzato per molti secoli il folclore a Venezia. Città mercantile, tollerante e trasgressiva, Venezia nel XVI secolo arrivò a censirne più di diecimila. A partire dal 1300 il Governo della Serenissima istituì un vero e proprio quartiere a luci rosse nelle vicinanze di Rialto, il solo in cui le Cortigiane potessero abitare ed esercitare il meretricio. A volte in questa zona le si poteva vedere affacciate alle finestre con il seno scoperto. Famoso per questo spettacolo gratuito era il Ponte delle Tette sul Rio Terà delle Carampane (sinonimo veneziano indicante vecchia prostituta).
L’usanza  di mostrare il seno, oltre ad assolvere una funzione meramente commerciale fu imposta dal governo per combattere il dilagare dell’omosessualità durante il cinquecento.
In quel periodo ogni settimana si riuniva il collegio dei deputati per decidere la sorte dei colpevoli di sodomia, che spesso venivano impiccati alle due colonne della piazzetta di S. Marco e bruciati. Il comportamento delle cortigiane era regolato in modo ferreo dalla Repubblica di Venezia. Non potevano frequentare le osterie e girare per Venezia al di fuori del sabato, pena la frusta ed un’ammenda in denaro. Le Cortigiane erano spesso persone influenti e carismatiche grazie alle loro frequentazioni altolocate, la più famosa in tal senso fu di sicuro Veronica Franco, di origini borghesi, nota oltre che per la sua avvenenza, per i sonetti. Nel 1574 ricevette nel suo salotto Enrico di Valois, figlio di Caterina De'Medici, in procinto di diventare Re di Francia lasciando una testimonianza poetica dell’incontro.

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!