Eugenio Da Venezia ed i luoghi dei pittori Post Impressioni lagunari

di Alain Chivilò e Roberta Nalesso

Eugenio Da Venezia ed i luoghi dei pittori Post Impressioni lagunariQuesto itinerario prende spunto dai luoghi dove Eugenio Da Venezia e il gruppo dei "pittori di palazzo Carminati", esponenti del movimento post-impressionista veneziano del Novecento, trascorrevano giornate intere a dipingere circondati dalla splendida natura dei paesaggi lagunari.

Caratteristica dei periodi pittorici è di racchiudere generazioni di maestri in una comune visione artistica.Ogni generazione ha anche la caratteristica di avere le stesse “ramificazioni” di conoscenze. E’ pur vero che nella vita artistica le varie generazioni s’incontrano, ma la tendenza è più marcata nel Novecento rispetto ad oggi, dove la visione dell'arte è più commerciale.

Tra le generazioni di artisti che hanno attraversato il secolo scorso mi soffermo su quella dei pittori così detti “Post Impressionisti lagunari”, tra i quali il Maestro Eugenio da Venezia, uno dei principali rappresentanti del gruppo di "pittori di Palazzo Carminati", esponenti dell'arte veneziana tra le due guerre del Novecento.

Insieme a Eugenio Da Venezia fanno parte di questa generazione di pittori altri artisti tra i quali Marco Novati, Neno Mori, Fioravante Seibezzi, Juti Ravenna, Carlo Dalla Zorza, Aldo Bergamini, Cesare Mainella.
Tra loro Eugenio da Venezia era considerato il “francese”, in quanto il suo tratto pittorico, che è andato personalizzandosi sempre di più nel corso degli anni, si avvicina alle atmosfere degli Impressionisti francesi.

La caratteristica del Post Impressionismo lagunare è di essere l'unico movimento nella città di Venezia dove s’imponeva il colore puro come unico veicolo di luce, legato alla pittura all’aria aperta nella laguna.

Questo itinerario prende spunto proprio da alcuni dei luoghi dove Eugenio Da Venezia ed i suoi amici dipingevano, trascorrendo  giornate intere circondati dagli splendidi paesaggi lagunari

 


I Tappa:
Galleria Internazionale d'Arte Moderna di Cà Pesaro

Qui gli artisti si incontravano ed è proprio a Cà Pesaro che Eugenio Da Venezia e il gruppo storico di artisti  dell'epoca cominciarono le loro esposizioni.
Eugenio Da Venezia vi partecipò ininterrottamente dal 1925 al 1956.
Nel palazzo si può ammirare una ampia panoramica della pittura Veneziana ed Internazionale del Novecento.

 

II Tappa: Fondazione Bevilacqua La Masa – Palazzo Carminati – Gli studi degli artisti 

Luogo tutt’ora operante dove si trovano gli studi degli artisti concessi dall’Opera Bevilacqua La Masa a Palazzo Carminati.
Nel 1990 Eugenio da Venezia donò alla Fondazione Querini Stampalia un fondo di opere e un patrimonio destinati ad un progetto di riscoperta dell'arte figurativa veneziana del suo tempo e in particolare degli artisti suoi amici, con i quali formò "il gruppo di Palazzo Carminati": Carlo Dalla Zorza, Fioravante Seibezzi, Marco Novati, Aldo Bergamini, Mario Varagnolo, Juti Ravenna, Neno Mori e Luigi Scarpa Croce.
Il fondo è costituito da venticinque propri dipinti e cinque di Novati, Mainella, Bergamini, ed è stato poi arricchito dai suoi eredi e da altri generosi collezionisti, con dipinti e disegni di Marco Novati, Juti Ravenna, Neno Mori, Mario Varagnolo, Carlo Dalla Zorza, Armando Tonello, Eugenio Da Venezia, Pieretto Bianco e Gigi De Giudici.

 

III Tappa: casa di Eugenio Da Venezia, San Marco nr. 4494, Calle della Sacrestia.

 

La casa e lo studio veneziani dove visse e dipinse Eugenio Da Venezia.
La casa, che al momento non è aperta al pubblico, è stata donata dal Maestro alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia.

 

IV Tappa: La Biennale di Venezia

Eugenio Da Venezia partecipò a dieci edizioni de “La Biennale di Venezia”  dal 1932 al 1956.
Una partecipazione che testimonia l’amore per l'arte e per la sua città natale, trasformatosi in “polemica” di fronte alle nuove avanguardie, a testimonianza della sua fedeltà pittorica impressionista e post-impressionista lagunare. 

 

V Tappa: Murano, Burano, Torcello, Mazzorbo

Immersi nella laguna nord, questi sono i luoghi della pittura all’aria aperta.
Qui gli artisti trascorrevano le loro giornate dipingendo colori delle case, il ponte del diavolo, la basilica con il trono di Attila, gli orti, le carciofaie, i canali, i panni stesi, le barene.

 

VI Tappa: Cavallino, Treporti

In questo incantevole e sperduto angolo di laguna vicino a Venezia si ritrovano i colori, le case sparse, le coltivazioni, la barena che ritroviamo nei dipinti post-impressionisti veneziani.

 

Luoghi:

  • Galleria Internazionale d'Arte Moderna di Cà Pesaro
  • Fondazione Bevilacqua La Masa
  • Casa di Eugenio Da Venezia
  • Giardini della Biennale di Venezia
  • Le isole della laguna nord di Venezia: Murano, Burano, Torcello, Mazzorbo
  • I dintorni: Cavallino, Treporti



di Alain Chivilò
a cura di Roberta Nalesso

Galleria

30517

Indirizzo e informazioni

Per approfondimenti sulla vita di Eugenio Da Venezia e sugli amici pittori visita il sito ufficiale
Mezzi di trasporto: a piedi e con i mezzi di trasporto pubblico
Email: info@eugeniodavenezia.eu
Web:www.eugeniodavenezia.eu

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!