Gallerie dell'Accademia

Gallerie dell'Accademia Il complesso monumentale delle Gallerie dell'Accademia occupa la prestigiosa sede della Scuola Grande di Santa Maria della Carità, una delle più antiche confraternite laiche della città, di cui fanno parte integrante anche l'omonima chiesa di Santa Maria e il monastero dei Canonici Lateranensi, realizzato da Andrea Palladio. L'esposizione di quadri che si trova all'interno delle Gallerie dell'Accademia costituisce la più significativa collezione di dipinti veneziani e veneti dal Trecento bizantino e gotico agli artisti del Rinascimento e ai vedutisti settecenteschi.

Visitando le gallerie potrete percorrere un itinerario nella storia della pittura veneziana, dalle origini alla fine del XVIII sec., ammirando i capolavori dei più famosi Maestri da Paolo Veneziano ai grandi del Rinascimento - Bellini, Carpaccio, Giorgione,Tiziano,Tintoretto, Veronese - allo splendido ‘700 con Tiepolo, Canaletto, Piazzetta, Guardi, Rosalba Carriera e Pietro Longhi.
 
Fondate nel 1807 per ospitare i quadri provenienti da chiese ed enti ecclesiastici soppressi in epoca napoleonica, le Gallerie dell'Accademia si sono arricchite nel tempo grazie a donazioni e acquisizioni.
Il percorso inizia al primo piano dalle tavole e dai polittici del Trecento e del primo Quattrocento di Paolo e Lorenzo Veneziano, Michele Giambono, Niccolò di Pietro, Jacobello del Fiore, Gentile da Fabriano, Pisanello, Michele di Matteo.
 
Seguono le sale dedicate agli otto teleri dei Miracoli della Reliquia della Croce (1494-1501) di Gentile Bellini e Vittore Carpaccio e ai nove teleri di Carpaccio con la Leggenda di S. Orsola (1490-1495 ca.). Sebastiano del Piombo, Giovanni Bellini con le sue indimenticabili Madonne, Giorgione (La Tempesta), Cima da Conegliano (Madonna dell'Arancio), Mantegna (S. Giorgio), Piero della Francesca (S. Girolamo adorato dal donatore), Cosmè Tura (Madonna col putto) segnano il passaggio dal Quattrocento al Cinquecento rappresentato da Tiziano (Pietà e Presentazione della Vergine al Tempio), Paris Bordon, il Veronese (Convito in casa di Levi), Lorenzo Lotto, Palma il Vecchio, Palma il Giovane, Tintoretto (Vita di S. Marco).
Si passa poi al barocco e al rococò con Bernardo Strozzi, Luca Giordano, Marco Ricci, Giuseppe Zais e Francesco Zuccarelli.

Altri nomi di rilievo, per quanto riguarda il Settecento, sono quelli di Giambattista e Giandomenico Tiepolo, Giovan Battista Piazzetta (Indovina), Sebastiano Ricci, le vedute di Francesco Guardi e del Canaletto (Prospettiva con portico), i pastelli di Rosalba Carriera, le scenette di Pietro Longhi e alcuni bozzetti di Antonio Canova.
Annesso alle gallerie è si trova il Gabinetto di disegni con circa tremila fogli di grafica di scuola veneta, lombarda, emiliana e umbra.


Informazioni utili

Indirizzo: Dorsoduro 1050
Campo della Carità - Venezia
Apertura: lunedì 8.15 - 14.00, martedì-domenica 8.15 - 19.15 (la biglietteria chiude mezz'ora prima)
Chiuso il 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre
Ingresso:
intero € 6.50, ridotto € 3,25 (ragazzi U.E. 18-25 anni con documento d'identità, insegnanti di ruolo quando non accompagnano gruppi di studenti)
Servizi
: accesso facilitato, archivio fotografico, attività didattica, audioguida, libreria, pubblicazioni del museo, visita guidata,
Prenotazioni: Call Center (+39) 041 52 00 345 (attivo da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 18.00, sabato dalle 9.00 alle 14.00, chiuso nelle principali festività)
E' disponibile un servizio di prenotazioni on line
Telefono: 0415222247
Fax: 0415212709
E-mail: info@gallerieaccademia.org
Web: www.gallerieaccademia.org
Linee ACTV:  1, 2 fermata Accademia 

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!