San Polo

San PoloEntriamo nel Sestiere di San Polo, il più piccolo di Venezia, ma che vanta il primato di ospitare il più vasto campo della città, quello della Chiesa di San Paolo Apostolo, edificata nel secolo IX e in cui si trovano importanti cicli del Veronese e di Palma il Giovane. Partiamo dai piedi del Ponte di Rialto, il più antico e famoso ponte in pietra della città, completato da Antonio da Ponte nel 1591, immergendoci nella folla che in ogni momento della giornata lo attraversa.

Trascorriamo qualche istante ad osservare la frenetica attività sul Canal Grande, per poi ripartire in direzione di Campo San Polo, il più grande di Venezia dove ancora oggi nel periodo di Carnevale si raccolgono spettacoli, bancarelle e avvenimenti particolari. Sul nostro cammino incontriamo dopo poco la Chiesa di San Giacomo, edificata intorno al 1097, le cui campane anticamente annunciavano l’apertura e la chiusura dei Mercati cittadini.

L'Erbarìa, la Pescarìa e la Beccarìa (macelleria), nei quali ancor oggi i cittadini veneziani fanno la spesa, sono luogo in cui il tempo sembra essersi fermato, meritevole senz’altro di una nostra visita. Lasciata alle nostre spalle la parte più rumorosa del Sestiere ci dirigiamo verso la Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, edificata dall’ordine francescano nel secolo XIV.
Non basterebbe un giorno intero per apprezzarne tutte le meraviglie. L’Assunta di Tiziano Vecellio, il San Giovanni Battista ligneo di Donatello e i numerosi capolavori di Giovanni Bellini che ne adornano la sagrestia, sono solo una piccola porzione del suo inestimabile contenuto. Proseguiamo la passeggiata fino a Ca’ Centanni, casa natale del più illustre commediografo veneziano di tutti i tempi, Carlo Goldoni. Attualmente è sede del Museo del Teatro e delle memorie goldoniane. Fra i tanti cimeli il celebre teatrino delle marionette, qui conservato, che per un po’ ci farà tornare bambini.

Tra le piacevoli scoperte, San Polo conferma la sua fama nell’esprimere in una grandissima varietà la vocazione della città per la buona cucina. Il gusto tradizionale è qui diffuso e onorato lungo tutto il percorso che conduce a Rialto, con ristoranti, osterie e “ bacari ” in cui è possibile trovare i “cicheti” (stuzzichino infilzato da uno stecchino) e un bicchiere di buon vino, grazie ai quali possiamo finalmente avere un gustoso ristoro.

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!