Santa Croce

Santa CroceLasciamoci alle spalle il rumore di Piazzale Roma, per inoltrarci alla scoperta del Sestiere di Santa Croce nella parte più orientale di Venezia. Il suo nome deriva dalla Chiesa della Santa Croce, fondata dai primi coloni veneti intorno al 600 d. c. e successivamente demolita nel 1810.
Ci accompagna il suono dell'acqua che scorre placida sulla nostra sinistra quando giungiamo alla Chiesa di San Nicolò di Tolentino; ne usciamo con ancora negli occhi gli straordinari dipinti di Jacopo Palma il Giovane quando è già la volta della Chiesa dei Santi Simeone e Giuda Apostoli, stupefacente Pantheon in miniatura.

Ancora pochi passi e lasciato il Ponte degli Scalzi, ci dirigiamo verso San Simeon Grande, dove ci attende l'emozionante “Ultima Cena” di Jacopo Tintoretto.
Addentrandoci nel Sestiere, che con i suoi 2359 numeri civici è il più piccolo della città, è frequente la sensazione di aver smarrito la strada nell'intricato dedalo di piccole calli e campi caratteristici, un percorso fatto di un continuo alternarsi di architetture civili e religiose.

Ci tuffiamo quindi nell'architettura veneto-bizantina a San Zuane Degolà, nella sobria bellezza di Campo San Giacomo dell'Orio e nell’austerità di Palazzo Mocenigo, costruito nel XVI secolo da una delle più importanti famiglie veneziane che diede ben sette Dogi alla Serenissima. In questa zona è ancora possibile vedere il lato popolare della vita veneziana, mentre i palazzi più fastosi danno in prevalenza sul Canal Grande: Ca' Pesaro, che ospita la Galleria Nazionale d'Arte Moderna e il Fondaco dei Turchi, attuale sede del Museo di Storia Naturale sono fra gli esempi più illustri.

Se dopo questa lunga passeggiata desideriamo ristorarci un po’, facciamo una sosta alla Chiesa di San Stae nella quale verremo di certo sedotti dall'intensità delle opere di Gianbattista Tiepolo.
In fine, oltrepassato Palazzo Corner della Regina, Santa Croce ci stupisce ancora una volta, con quel modo tipicamente veneziano di fondere sacro e profano. Proprio a pochi passi di distanza dalla Chiesa di Santa Maria Mater Domini alziamo lo sguardo verso un “nizioletto” (segnaletica toponomastica veneziana) dal tono sinistro che recita Sottoportico e Corte del Diavolo e ci compiacciamo di quanto questa città conservi ancora intatta la sua magia e il suo mistero.

Indietro
Share/Save/Bookmark

La tua vacanza inizia da qui

Call Center Prenotazioni Alberghiere

  Tutti i giorni dalle 8.00 alle 21.00 tel. 041 5222264 oppure
199 173309
 

Welcome Desk

5 Welcome Desks nei punti strategici di arrivo in città!